Categoria: Notizie

Le misure per i giovani nella Legge di Bilancio 2022

Il Consiglio Nazionale dei Giovani ha condotto un’analisi per comprendere e approfondire quali sono le misure per i giovani introdotte o incrementate con la Legge di Bilancio 2022.

Dall’analisi emerge che la Legge di Bilancio 2022 prevede lo stanziamento di 1,03 miliardi di euro per misure a favore dei giovani, che in termini percentuali rappresenta il 3,4% sul totale complessivo delle spese per
le innovazioni legislative della manovra, pari a 30,3 miliardi di euro. Di questo ammontare per i giovani, una
quota pari a 709,4 milioni di euro, è destinata a misure generazionali per i giovani, ovvero, provvedimenti
idonei a incidere direttamente sul divario generazionale in quanto rivolti esclusivamente ai giovani. I restanti
322,2 milioni di euro sono per misure potenzialmente generazionali per i giovani, ovvero misure che sono
destinate principalmente e non esclusivamente a giovani tra i 16 e i 35 anni.

Tra le misure individuate, la maggior parte confluisce nella categoria di “misure per l’inclusione sociale, per la
famiglia e per la questione abitativa”,la quale rappresenta il 44,8% dello stanziamento sui 1031,6 milioni di
euro. Il 40,7% è indirizzato a “misure di orientamento, sostegno all’istruzione, alla formazione di accesso, on
the job e all’acquisizione di nuove competenze”. Infine, alle tipologie di “misure per il sostegno al lavoro” e
“per l’imprenditorialità” è indirizzato, rispettivamente, il restante 12,2% e il 2,3% sul totale complessivo della
spesa.

In particolare queste riguardano:

  • Oneri di funzionamento dei centri per l’impiego in favore di giovani NEET
  • Rifinanziamento Fondo sociale per occupazione e formazione
  • Congedo di paternità
  • Fondo povertà educativa
  • Decontribuzione lavoratrici madri
  • Proroga misure in favore dell’acquisto della casa di abitazione
  • Apprendistato professionalizzante dei giovani lavoratori sportivi
  • Detrazioni fiscali delle locazioni stipulate dai giovani
  • Anno europeo dei giovani
  • Fondo per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze tra le giovani generazioni
  • Istituzione del Centro Nazionale del Servizio Civile Universale
  • Livello essenziale della prestazione riferito ai servizi educativi per l’infanzia
  • Livelli essenziali delle prestazioni in materia di trasporto scolastico di studenti disabili
  • Fondo per l’assistenza all’autonomia e alla comunicazione per gli alunni con disabilità
  • Sostegno in caso di maternità
  • Patti territoriali per la transizione ecologica e digitale
  • Misure per il rilancio e la competitività del sistema della formazione superiore
  • Misure a sostegno della ricerca
  • App 18
  • Proroga per l’anno 2022 della decontribuzione per i coltivatori diretti e imprenditori agricoli under 40
  • Misure in favore della nuova imprenditorialità in agricoltura
  • Servizi di supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche
  • Consiglio nazionale dei giovani

Per saperne di più scarica qui il report completo!

Apertura iscrizione Capitale Europea della Gioventù 2025

Il Forum europeo della gioventù ha aperto le iscrizioni per la “Capitale Europea della Gioventù (EYC) 2025. Questo titolo viene assegnato ad una città europea per la durata di un anno durante il quale si intende conferire più potere ai giovani e rafforzare la loro partecipazione e la loro identità europea.

Ogni anno, una nuova città europea ha la possibilità di mostrare le sue idee innovative, i progetti e le attività che mirano a dare voce ai giovani e portare una nuova prospettiva a tutti gli aspetti della vita cittadina.

Una città può diventare Capitale Europea della Gioventù se si distingue in modo positivo e se ha un programma ambizioso che voglia dare potere ai giovani, accrescere la loro partecipazione e portare un cambiamento significativo.

Chi può partecipare?

La candidatura è aperta a tutti i Comuni degli Stati membri del Consiglio d’Europa, i quali potranno inviare la documentazione necessaria entro il 21 febbraio 2022. La città vincitrice sarà annunciata a Novembre 2022.

Clicca qui per ulteriori informazioni!

Partecipa anche tu all’European Charlemagne Youth Prize 2022!

L’European Charlemagne Youth Prize 2022 (#ECYP2022) è il premio istituito dal Parlamento europeo e dalla Foundation of the International Charlemagne Prize of Aachen, che sostiene i progetti giovanili che promuovono la cooperazione in Europa e a livello internazionale.

Il premio viene infatti assegnato ai progetti realizzati da giovani che mirano a favorire la comprensione e lo sviluppo di un senso comune di identità europea e offrono esempi pratici di europei che vivono insieme come un’unica comunità.

I progetti possono focalizzarsi sull’organizzazione di diversi eventi giovanili, quali scambi tra giovani, festival politici giovanili, mostre, corsi di formazione o progetti online di dimensione europea.

Lo scopo è mettere in evidenza il lavoro quotidiano svolto dai giovani in tutta Europa per rafforzare la democrazia europea e supportare la loro partecipazione attiva nel migliorare il futuro dell’Europa.

I PREMI

Il premio per il miglior progetto consiste in €7.500, mentre per il secondo posto sono previsti €5.000 e per il terzo €2.500. I rappresentanti dei tre progetti vincitori verranno inoltre invitati a visitare il Parlamento Europeo a Bruxelles o a Strasburgo e verranno premiati dal Presidente del Parlamento Europeo stesso e da rappresentanti della Foundation of the International Charlemagne Prize of Aachen.

CHI PUO PARTECIPARE?

Possono partecipare tutti i cittadini o residenti in uno dei 27 Stati europei di età compresa tra i 16 e 30 anni, sotto forma di singoli, gruppi o anche organizzazioni.

COME PARTECIPARE

Le candidature possono essere presentate in tutte le lingue ufficiali dell’Unione Europea compilando il form presente a questo link, entro e non oltre il 13 febbraio 2022 alle ore 23:59 CET.

Che aspetti? clicca qui per maggiori informazioni!

 

Convocazione consiglio di presidenza CNG_Assemblea generale

Convocazione Consiglio Di Presidenza – 19 gennaio 2022

Così come previsto dall’Art.30 delle NROFI, su indicazione della Presidente del CNG, Maria Cristina Pisani, è convocato il Consiglio di Presidenza per il prossimo mercoledì 19 gennaio 2022 alle ore 18.30, con il seguente Odg:

– Approvazione verbale seduta precedente;
– Analisi Legge di Bilancio 2022;
– Definizione cronoprogramma attività 2022 e programmazione economica;
– Discussione su Bilancio Generazionale;
– Valutazione candidature Città Italiana dei Giovani 2022;
– Discussione attività in collaborazione con Dipartimento PGSCU;
– Discussione su sede e collaborazioni in corso;
– Comunicazioni dei Consiglieri di Presidenza;
– Valutazione domande di adesione;
– Varie ed eventuali.

Si comunica, altresì, che sono invitati a prendere parte ai lavori il Coordinatore dell’Assemblea Generale e il Segretario Amministrativo, così come previsto dall’Art. 31 delle NROFI.

In ottemperanza a quanto previsto dal DPCM del 9 marzo 2020 ss.mm.ii. recante nuove misure per il contenimento e il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale, la riunione si terrà straordinariamente online.

 

“SASSOLI, IL VOLTO GENTILE DELLA POLITICA”

La Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani, Maria Cristina Pisani, esprime profondo cordoglio a nome del CNG per la scomparsa del presidente del Parlamento europeo David Sassoli.

“Il volto gentile della politica, un profondo europeista che grazie al suo impegno e ai suoi ideali di giustizia ed uguaglianza sociale ha contribuito alla costruzione di un’Europa più civile, in grado di ascoltare le istanze dei cittadini anche, e soprattutto, nei momenti di crisi”.

GirlsRestart – un’impresa da donne per le donne

Le donne hanno ancora oggi difficoltà a realizzare una propria attività lavorativa. Questo dipende da diversi fattori, tra cui principalmente i minori finanziamenti disponibili e la mancanza di strumenti e politiche sociali che aiutino le donne a conciliare vita professionale e vita personale.

Attualmente infatti il 46% delle aziende femminili aperte da giovani con meno di 35 anni sono autofinanziate perchè, come rivela lo studio della Banca Centrale Europea, le donne hanno timore che i finanziamenti richiesti vengano rifiutati.

Inoltre, in Italia ben l’11% delle donne nel 2018 ha dichiarato di non avere mai lavorato per prendersi cura dei suoi figli.

La pandemia ha poi aggravato la situazione, diminuendo la voglia di mettersi in gioco per costruire la propria startup. Le nuove imprese femminili, secondo il 4° Rapporto Nazionale Imprenditoria Femminile di Unioncamere, sono state il 42% in meno tra aprile e giugno 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. Invece, le ripercussioni sulle attività maschili sono state meno negative.

Il progetto

GirlsRestart è una community online che stimola le donne a credere nelle loro idee e a collaborare per realizzare i progetti delle nuove imprenditrici. Si tratta di uno spazio digitale in cui ogni tipo di lavoratrice può trovare spunti per far crescere o avviare la propria impresa. È un luogo di confronto e riflessione comune, composto da più di 500 tra professioniste, madri, startupper, giovani neo assunte che mettono insieme le loro esperienze e competenze per spingere la crescita delle imprese femminili in Italia.

In questo spazio si possono seguire i webinar e i threads lanciati da altre Restarter, ma anche chiedere consigli professionali ad altre donne iscritte e candidare la propria idea imprenditoriale per ottenere consulenze dalle professioniste che hanno fondato la community.

Per scoprirne di più, entra anche tu a far parte della community.

 

Consiglio Nazionale dei Giovani
Via Novara n. 41 – 00198 Roma
Tel. +39 06 94523417