Mese: Ottobre 2021

Maria Cristina Pisani interviene su Omnibus – La7

Questa mattina Maria Cristina Pisani, Presidente del Consiglio Nazionale Giovani, è intervenuta su La7 al programma Ombibus per parlare di politiche di governo, PNRR, pensioni, formazione e povertà educativa e disoccupazione giovanile e per analizzare l’impatto effettivo delle politiche messe in campo sulle giovani generazioni in uno scenario sociale caratterizzato da problematiche strutturali.

Guarda il video per rivedere l’intervento del Cng!

Maria Cristina Pisani a Radio 3 Rai

Oggi, la Presidente del Consiglio Nazionale Giovani, Maria Cristina Pisani è stata intervistata da Radio Rai 3 per parlare di lavoro dignitoso per i giovani italiani. Commenta così la Presidente: “la nostra priorità deve essere garantire alle giovani generazioni lavori di qualità e intervenire sul fronte previdenziale per evitare l’ennesima emergenza sociale”.

Ascolta l’intervento sulla pagina Facebook del Consiglio Nazionale Giovani.

 

Convocazione Commissione lavoro formazione e politiche sociali

Così come previsto dalla NROFI, è convocata la commissione lavoro formazione e politiche sociali del CNG per martedì 26 ottobre alle ore 18 in modalità videoconferenza.

Oggetto della riunione sarà la definizione del contributo della commissione, così come illustrato nelle precedenti riunioni, al fine di costruire il piano nazionale giovani 2022.

Maria Cristina Pisani su La Repubblica: Giovani e Pensioni

In questo periodo si sta discutendo molto di pensioni, una tematica che riguarda soprattutto i giovani. Di questo ne parla Maria Cristina Pisani, Presidente del Consiglio Nazionale Giovani, su La Repubblica: “torniamo a proporre con forza una pensione di garanzia per i giovani” (..) D’accordo la sostenibilità finanziaria e l’equilibrio dei conti pubblici. Ma c’è bisogno anche di una sostenibilità sociale per quei giovani che oggi nutrono il sistema con i loro contributi e che in futuro hanno diritto ad un assegno dignitoso”.

Per questo il Cng propone di “coprire a carico dello Stato, con i contributi figurativi, tutti i periodi di formazione – corsi, università, stage, tirocini – e anche di volontariato”. Di “rilanciare la previdenza integrativa, detassandola”. Di “modificare il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita”. Di “scongiurare che i periodi di congiuntura negativa possano pregiudicare le pensioni future”. Di coprire “i periodi di scarsa attività lavorativa”. Di “ridurre i vincoli – oggi pari a 1,5 volte e 2,8 volte l’assegno sociale – che penalizzano i redditi più bassi spingendo l’età della pensione oltre i 70 e anche i 75 anni”.

Pisani ricorda inoltre che “i più giovani oggi hanno un reddito medio tra 10 e 20 mila euro annui”. E che “un terzo vive un’elevata discontinuità lavorativa”. È la lotteria dei lavoretti, contrattini, finti stage. Il Recovery porterà una spinta, “noi calcoliamo un impatto di 85 mila occupati giovani in più entro il 2026”. Il punto però “non è solo la quantità di risorse, ma la qualità dei progetti in cui vengono investite che farà la differenza”. Mettere subito in campo “politiche attive mirate per i giovani Neet, inattivi, è una strada da percorrere: anche destinando in modo mirato una parte delle risorse europee di Gol, la Garanzia di occupabilità dei lavoratori”.

Leggi qui l’articolo intero.

Generation Connect Global E-waste Iconathon

L’ITU, Unione internazionale delle telecomunicazioni, è lieta di annunciare il primo Generation Connect Global E-waste Iconathon, un concorso di icon design rivolto a giovani di tutto il mondo dai 18 ai 24 anni che mira ad aumentare la consapevolezza sul problema globale dei rifiuti e a sensibilizzare alla raccolta dei rifiuti elettronici a scopo di riciclaggio. La Generation Connect Global E-waste Iconathon è stata lanciata il 14 ottobre 2021, Giornata Internazionale dei Rifiuti Elettrici.

Cosa sono i rifiuti elettronici?

I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) o e-waste si riferiscono agli articoli di tutti i tipi di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) e alle loro parti che sono state scartate dal proprietario come rifiuti senza l’intenzione di riutilizzarle. I rifiuti elettronici sono uno dei flussi di rifiuti più complessi al mondo. Secondo il Global E-waste Monitor 2020, il mondo ha generato 53,6 Mt di rifiuti elettronici nel 2019, di cui solo 9,3 Mt (17%) sono stati registrati come raccolti e riciclati. I rifiuti elettronici contengono materiali preziosi, così come tossine pericolose, che rendono il recupero efficiente dei materiali e il riciclaggio sicuro dei rifiuti elettronici estremamente importante per il valore economico, nonché per la salute ambientale e umana.

Per maggiori informazioni consulta la mappa dell’ITU “Internet Waste“.

Le icone saranno giudicate in base a 3 criteri:

Universalità – L’icona è sensibile a tutti i generi, gruppi di età, contesti regionali e multiculturali?
Originalità – L’idea rappresenta il pensiero creativo e l’originalità nel concetto e nel design
Efficacia dell’icona – Il design è visivamente attraente, appropriato e riconoscibile come icona universale per il ritiro e la raccolta dei rifiuti elettronici?

I primi 3 finalisti del Generation Connect Global E-waste Iconathon avranno la possibilità di partecipare all’ITU Generation Connect Global Youth Summit – “Youth Summit”, previsto per il 4 e 5 giugno 2022, ad Addis Abeba, Etiopia. Lo Youth Summit fa parte della strategia giovanile dell’ITU per migliorare e avere un impatto sulla vita dei giovani e renderli protagonisti dell’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. La Generation Connect Global E-waste Iconathon aiuta a far progredire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Agenda 2030), più specificamente l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile numero 12, riaffermando il ruolo dei giovani nel consumo e nella produzione sostenibile. Dopo la selezione da parte di una giuria e l’annuncio delle icone vincitrici, i primi 3 finalisti lavoreranno con un designer professionista per perfezionare ulteriormente le icone da presentare al Summit. Il vincitore sarà scelto tramite votazione all’evento E-waste Iconathon al summit e dovrà stabilire un’icona riconoscibile a livello globale che indichi il ritiro o la raccolta dei rifiuti elettronici a scopo di riciclaggio.

Requisiti per partecipare al concorso:

  • giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni.
  • partecipanti o i membri della loro famiglia (fino al terzo grado) non devono essere impiegati dall’International Telecommunications Union, dal WEEE Forum o dalla StEP Initiative.

Per ulteriori informazioni sui criteri di ammissibilità, le istruzioni per la presentazione, le linee guida per il design delle icone e i criteri di valutazione, i partecipanti sono invitati a leggere le linee guida per l’iscrizione al concorso, i termini e le condizioni e a registrarsi utilizzando il modulo di registrazione online. Non c’è limite al numero di partecipanti che possono iscriversi.

Scadenza per la registrazione: 1 febbraio 2022
Scadenza per la presentazione delle icone: 28 febbraio 2022

Per tutte le informazioni contattare: youth4ewasteicon@itu.int​​​

Consiglio Nazionale dei Giovani
Via Novara n. 41 – 00198 Roma
Tel. +39 06 94523417